Azienda Autorizzata TULPS al numero QHAY/2013/14 Protocollo QH/2013/7561.
Certificato Camerale Vedi Esempio

Certificato Camerale

Il Certificato Camerale è un documento che contiene le informazioni camerali delle imprese, certificate dalla Camera di Commercio.

step1 MODULO DI RICHIESTA step2grey DATI DI FATTURAZIONE step3grey MODALITÀ DI PAGAMENTO

COSA È IL CERTIFICATO CAMERALE

Il Certificato Camerale, a differenza della Visura Camerale, ha valore legale, e può essere utilizzato per procedimenti esterni entro sei mesi dalla sua data di rilascio. Il documento attesta l’iscrizione di un’impresa al registro delle imprese e al R.E.A. (il repertorio economico amministrativo) della Camera di Commercio.

Si possono richiedere sia il Certificato Camerale ordinario, dove sono riportati i dati dell’azienda (riferimenti d’iscrizione, sede legale, partita Iva, oggetto sociale, capitale sociale, titolari e soci con distinzione delle quote, amministratori, attività, albi, ruoli e licenze), sia il Certificato Camerale storico, in cui sono riportate tutte le informazioni e le variazioni avvenute in un’azienda a partire dalla data della sua prima costituzione. Nel Certificato Camerale artigiano sono invece riportate tutte le informazioni di un’impresa artigiana, quali riferimenti d’iscrizione, albi, attività e titolari.

COME OTTENERE IL CERTIFICATO CAMERALE

Per ottenere il Certificato Camerale è necessario indicare nell’apposito form online la denominazione e la Provincia dell’azienda, il codice fiscale e/o la partita Iva (se impresa individuale, il codice fiscale del titolare) e la Provincia della Camera di Commercio.

IMPORTANTE: il Certificato Camerale può essere richiesto solo per le categorie appartenenti a Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura. NON è disponibile per albi professionali, associazioni sportive, di beneficenza o culturali. Qualora il Certificato Camerale (in rari casi) non fosse disponibile in banca dati telematica, sarà necessario richiederlo presso lo sportello della Camera di Commercio ed il rilascio avverrà in 4 giorni lavorativi.

Per l'emissione del Certificato Camerale è necessario che l’azienda abbia regolarmente effettuato il saldo del diritto annuo di iscrizione in Camera di Commercio. Qualora non si sia provveduto al versamento dei diritti presso la CCIAA, la pratica rimarrà sospesa fino al saldo avvenuto. Per verificare l'Estratto Conto dei Diritti presso la Camera di Commercio richiedi il nostro servizio online.


CHIUSURE CERTIFICATO CAMERALE

Quando si richiede un Certificato Camerale è possibile specificare quale dicitura stampare a chiusura del documento.
Di norma, la chiusura di default del Certificato Camerale è quella di tipo L - ESENZIONE DA MARCA DA BOLLO GENERICA. Di seguito riportiamo la tabelle che le raggruppa tutte:

Tipo chiusura Certificato Camerale Descrizione chiusura Certificato Camerale
Tipo A - INPS E INAIL Il Certificato Camerale con la chiusura di tipo A si rilascia in esenzione dell’imposta di bollo esclusivamente per uso in atti e documenti da presentare agli enti gestori delle assicurazioni sociali obbligatorie (INPS ed INAIL)
Tipo B - RIMBORSO TRIBUTI Il Certificato Camerale con la chiusura di tipo B si rilascia in esenzione dell’imposta di bollo per essere allegato a domande di rimborso e sospensione del pagamento di tributi quali Iva, Irpef, Irap, ecc., ad esclusione di ricorsi, opposizioni ed altri atti difensivi da parte del contribuente
Tipo C - FINANZIAMENTI Il Certificato Camerale con la chiusura di tipo C si rilascia in esenzione dell’imposta di bollo ad istituti ed enti finanziari per contratti relativi alla concessione di finanziamenti a medio termine a medie e piccole imprese commerciali nella propria zona di competenza, per ampliamento e rinnovo attrezzature, ed acquisto locali
Tipo D - FINANZIAMENTI Il Certificato Camerale con la chiusura di tipo D si rilascia in esenzione dell’imposta di bollo per contratti relativi alla concessione di finanziamenti a medio e lungo termine (ovvero la cui durata sia superiore ai 18 mesi), e di qualunque durata purché utilizzati - tra gli altri - per il credito per il lavoro italiano all’estero, quello all’artigianato, alla cooperazione, teatrale e cinematografico
Tipo E - FINANZIAMENTI Il Certificato Camerale con la chiusura di tipo E si rilascia in esenzione dell’imposta di bollo per finanziamenti a tasso agevolato riservati ai settori agricolo, industriale, artigianale, turistico e alberghiero, operanti nelle zone dichiarate depresse del Nord e Centro Italia
Tipo F - NO PROCEDURE CONCORSUALI CONCORRENTI Le chiusure di tipo F e G riguardano entrambe la dichiarazione di assenza di procedure concorsuali, rilasciata solo dal Registro delle Imprese di competenza territoriale. La chiusura di tipo F attesta che l’impresa non risulta in fallimento, concordato preventivo o amministrazione controllata
Tipo G - NO PROCEDURE CONCORSUALI STORICHE Questa tipologia di chiusura attesta che a carico dell’impresa non risulta pervenuta negli ultimi 5 anni dichiarazione di fallimento, liquidazione amministrativa coatta, ammissione in concordato o amministrazione controllata. Il Certificato Camerale rilasciato con una delle due chiusure (F o G) è di solito utilizzato per partecipazioni a gare di appalto, rimborsi tributari, concessione di mutui e finanziamenti, iscrizione nell'elenco dei fornitori, ecc.
Tipo H - TRIBUTI ONLUS Il Certificato Camerale con la chiusura di tipo H si rilascia in esenzione dell’imposta di bollo ai sensi dell’articolo 17 del decreto legge 460/1997 relativo al riordino della disciplina tributaria Onlus
Tipo I - PRODOTTI PETROLIFERI Il Certificato Camerale con la chiusura di tipo I si rilascia in esenzione dell’imposta di bollo per concedere prodotti petroliferi agevolati di cui al decreto ministeriale 68/83
Tipo L - ESENZIONE GENERICA A richiesta dell’interessato, il Certificato Camerale con la chiusura di tipo L si rilascia in esenzione dell’imposta di bollo per gli usi consentiti dalla legge. L’eventuale uso per fini diversi ricade sotto la personale responsabilità dell’utente
Tipo M - ESTERO Il Certificato Camerale con la chiusura di tipo M si rilascia solo per uso estero, ai sensi dell’articolo 40 del decreto 445/2000