Planimetria Catastale d'Impianto Vedi Esempio

Planimetria Catastale d'Impianto online

La Planimetria Catastale d'Impianto consente di ottenere la mappa del fabbricato relativa al primo deposito presso l'archivio del Catasto, ovvero la Planimetria Catastale presentata nel momento dell'accatastamento del fabbricato.

Vedi Esempio
1 MODULO DI RICHIESTA 2 DATI DI FATTURAZIONE 3 MODALITÀ DI PAGAMENTO

Domande Frequenti

Che cos'è la planimetria catastale d'impianto

La planimetria è la divisione in scala di un immobile allo stato attuale. Con la specifica “d’impianto” si fa riferimento alla mappa depositata al momento del primo accatastamento. Il proprietario del fabbricato o persona da lui delegata potrà richiedere tale documento al Catasto fabbricati.

Una planimetria di impianto può cambiare nel corso del tempo?

No. La planimetria catastale originaria depositata al momento in cui viene accatastato l’immobile resterà sempre identica e non modificabile. La Planimetria Catastale d'Impianto è, infatti, il documento necessario per visionare la piantina catastale originaria del fabbricato.
Nel corso del tempo, però, un fabbricato può subire delle variazioni dovute a frazionamenti, ristrutturazioni, cambi destinazione d'uso o ampliamenti spesso agevolati da riforme, come il piano casa, atte al rilancio dell’edilizia.
Ad ogni modifica effettuata in regola con le normative, si deve presentare l'aggiornamento presso il Catasto della nuova planimetria che andrà a sostituire la precedente per attestare lo stato di fatto attuale.

Quando dovrebbe essere richiesta la planimetria di impianto?

L’utilizzo della planimetria di impianto è spesso legato al concetto di legittimità urbanistica ed edilizia delle preesistenze.
Quando è necessario attestare la legittimità di una costruzione antecedente al 1942 (salvo alcune eccezioni) altrimenti considerata abusiva, si può richiedere la planimetria di impianto.
Qualora non sia depositato il progetto di costruzione originario presso gli Archivi, infatti, la planimetria di impianto può rappresentare l’unico strumento attestante la convalida di uno spazio che potrebbe risultare irregolare.
La planimetria datata tra il 1935 ed 1941, se presenta lo stato di fatto coerente con quello attuale, può stabilire la conformità di un immobile almeno nel suo perimetro.

La planimetria e la planimetria di impianto possono essere uguali?

La planimetria di impianto può essere uguale alla planimetria attuale nel caso in cui, dal momento della costruzione alla data odierna, non sono stati effettuati cambiamenti. Entrambe devono essere richieste presso il Catasto oppure avvalendosi del supporto di un professionista abilitato munito di firma digitale.

E’ necessario presentare la planimetria di impianto per interventi tecnici specifici come la valutazione delle barriere architettoniche o le certificazioni energetiche?

Generalmente, la planimetria di impianto non è necessaria nelle pratiche standard come: la certificazione energetica, la valutazione dei rapporti aeroilluminanti negli appartamenti, delle dimensioni minime nei locali nei casi di cambio destinazione d’uso, o per esaminare le barriere architettoniche all’interno di un locale. Anche nelle pratiche di compravendita, la planimetria da allegare all’atto notarile è sempre quella aggiornata allo stato di fatto attuale.

Le variazioni di planimetria, sono citate presso la Conservatoria dei Registri immobiliari?

No. Tutte le variazioni catastali come un cambio di destinazione d’uso, un ampliamento, una divisione, ecc. vengono trascritte solo presso il Catasto. La Conservatoria tiene a registro tutti gli atti notarili, o da tribunale, relativi a provvedimenti a carico di un immobile.

E’ possibile richiedere la planimetria sulle provincie autonome di Trento e Bolzano?

Le province autonome di Trento e Bolzano, Gorizia, Trieste ed alcuni comuni in provincia di Vicenza, Udine, Belluno e Brescia sono censiti in un Catasto parallelo detto Catasto Tavolare o sistema del Libro fondiario, istituito ai tempi dell’Impero Austro-Ungarico ed in vigore ancora oggi.
L’organizzazione del sistema Tavolare si basa unicamente sugli immobili ed è organizzato in modo diverso rispetto al Catasto Tradizionale.
Per richiedere una planimetria di un immobile su Trento e Bolzano, sarà quindi necessario interrogare il sistema del libro fondiario e richiedere la Planimetria tavolare.

Le nostre procedure

Il nostro portale ti permette di richiedere la Planimetria di Impianto on line, senza doverti recare presso l’ufficio pubblico. Il form per la richiesta prevede che tu inserisca la Provincia ed il Comune di ubicazione. Potrai richiedere la Planimetria Catastale di Impianto on line solo per le Provincie di Roma, Milano Napoli.

Dopo aver inserito Provincia e Comune dovrai specificare foglio, particella o mappale ed il subalterno, qualora il tuo fabbricato ne sia provvisto.

Ti ricordiamo che in base alla normativa vigente è necessario essere uno dei proprietari del fabbricato oppure un suo delegato.

Potrai effettuare il pagamento del servizio mediante carta di credito oppure mezzo bonifico bancario o bollettino postale. A seguito della richiesta, riceverai una email riepilogativa con i dati dell’ordine e verranno specificati gli estremi del Conto corrente postale e bancario. Qualora tu scegliessi di effettuare il pagamento con bollettino o bonifico, ricordati di inviarci la distinta di avvenuto pagamento.

Subito dopo il saldo, riceverai la richiesta di documentazione mancante che dovrà essere firmata dal diretto interessato o persona da lui delegata.

Può capitare che il tuo immobile non risulti Volturato, pertanto il tuo fabbricato non è regolarmente a tuo nome presso il Catasto. In questo caso, ti consigliamo di effettuare prima l’aggiornamento accedendo al nostro servizio di Voltura Catastale. Ricorda che se il Catasto non risulta aggiornato NON è possibile consegnare la Planimetria.

Se non conosci i dati catastali del fabbricato per il quale stai richiedendo la Planimetria puoi recuperarli tramite il nostro sito. Tramite i riferimenti anagrafici del proprietario, infatti, puoi richiedere una Visura Catastale su soggetto e ricevere così i dati catastali.

Potrebbe capitare che la tua planimetria non risulti depositata. In questi casi TuttoVisure.it non potrà intervenire in nessun modo e non potrà essere ritenuto responsabile. In questi casi, tratteremo la tua pratica come previsto dalle condizioni di utilizzo del sito pubblicate nel portale.

Le tempistiche di evasione sono di circa 5 giorni lavorativi che partono dalla ricezione della modulistica correttamente compilata.

La tua pratica verrà seguita dal nostro reparto dei Servizi Tecnici, il nostro Architetto sarà a tua disposizione.