Certificato dei Carichi Pendenti
Vedi Esempio

Certificato dei Carichi Pendenti

Il Certificato dei Carichi Pendenti è un documento che attesta l’esistenza di processi penali in corso a carico di un determinato soggetto.

Vedi Esempio
  •  RICHIESTA
  • DATI
  •  PAGAMENTO
Domande Frequenti

Che cos’è il certificato dei Carichi Pendenti?

Il certificato dei Carichi pendenti è un documento che evidenzia l’esistenza o meno di procedimenti penali in corso di giudizio a carico di una specifica persona. Le informazioni, contenute all’interno del certificato, sono disciplinate ai sensi dell'art n. 313/2002 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di casellario giudiziale, di anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti. (Testo A)"

Quali dati vengono riportati sul certificato dei carichi pendenti?

Un certificato dei Carichi Pendenti riporta i provvedimenti giudiziari in corso con l'indicazione di nome, cognome, codice fiscale, luogo e data di nascita del soggetto di interesse. Per ogni provvedimento evidenziato sono anche presenti: il numero del procedimento, l'autorità che ha emesso il provvedimento giudiziario, la data, il dispositivo del provvedimento e le norme applicate, il luogo e la data dell’infrazione.
Il certificato ti consente di valutare tutti i dati relativi all’imputazione, alle diverse fasi ed ai gradi di giudizio, la pena principale e quella accessoria, la sanzione sostitutiva, la sospensione condizionale della pena.

Quali sono i procedimenti penali espressi nel carico pendente?

In generale, il Carico Pendente comprende gli estremi degli atti nei quali la persona risulta imputata (non indagata), come nel caso di una richiesta di rinvio a giudizio o di un decreto penale di condanna.
Ciò che non è menzionato in un certificato dei Carichi Pendenti fa riferimento agli estremi di eventuali procedimenti in fase di indagine preliminare o già archiviati. Lo stesso avviene per provvedimenti giudiziari emessi dal giudice di pace, le condanne per contravvenzioni punibili con la sola ammenda, e di decreti penali di condanna già sentenziati.
I provvedimenti dei Carichi Pendenti registrati presso la procura sono estinti dagli appositi registri se la persona interessata muore, o compie 80 anni di età, o cessa di essere imputata (ad esempio per non revocabilità della sentenza di proscioglimento o di condanna, o quando il decreto penale di condanna è divenuto esecutivo).
Nel caso di minori, il certificato dei Carichi Pendenti va richiesto presso la procura della Repubblica presso il Tribunale dei minorenni.

Che differenza c'è tra casellario giudiziale e carico pendente?

I due tipi di certificati del tribunale possono essere richiesti insieme o separatamente, sono rilasciati entrambi dalla Procura della Repubblica ma si differenziano per le informazioni in essi contenute. Il certificato del Casellario Giudiziale (sia esso certificato penale, civile o generale) riguarda i provvedimenti di condanna già passati sotto sentenza nei confronti di un individuo, ossia le condanne definitive. I Carichi Pendenti, invece, si riferiscono ai procedimenti ancora in corso di giudizio relativi ad un soggetto, così come risultano registrati presso la procura di competenza per il luogo di residenza dell'interessato.

Il certificato è valido per l’estero?

Il certificato dei Carichi Pendenti è un documento ufficiale rilasciato dalla Procura della Repubblica Italiana che può essere reso fruibile all’estero. La validazione all’estero del Certificato, è possibile mediante:

Apostille:

ovvero l'annotazione ufficiale per i paesi aderenti alla convenzione dell'Aja del 5 ottobre 1961);

Legalizzazione:

ossia la procedura di convalida all'estero di certificati redatti in Italia, per i paesi extra convenzione Aja).
Il certificato tradotto (ed eventualmente timbrato per l’estero) potrà essere consegnato alle autorità estere o al Consolato.

Per gli Stati:

Francia, Danimarca, Italia, Irlanda e Belgio l’apposizione del timbro è superflua in quanto rientrano nella convenzione di Bruxelles del 25 maggio 1987.

In molti casi, per completare la convalida per l’estero, sarà necessaria la la traduzione asseverata e legalizzata.

TuttoVisure.it ti permette di richiedere tutti i servizi elencati semplicemente cliccando qui: Casellario Giudiziale per Uso Estero
Il servizio è valido anche per i residenti all’estero, inclusi coloro che sono sprovvisti di cittadinanza italiana, a condizione che abbiano risieduto in Italia.

Le nostre procedure

Nel form relativo al servizio sarà necessario inserire i dati anagrafici, la Provincia, il Comune e l'indirizzo di residenza del soggetto di interesse, oltre alla destinazione d'uso del documento.
A seguito del pagamento, riceverai un'email con la richiesta di modulistica. Tutti i moduli compilati come da istruzioni, dovranno pervenire presso i nostri uffici con firma autografa, insieme alla copia di un documento di identità del diretto interessato. Il certificato, che riporterà i procedimenti penali pendenti a carico del soggetto di ricerca, ti sarà inviato via email appena pronto, così da poter ritenere conclusa la pratica.
Qualora insieme al certificato richiesto, tu avessi selezionato anche il servizio di spedizione del cartaceo, procederemo alla preparazione, mediante corriere o posta, appena l’originale sarà in nostro possesso.
Salvo tue specifiche richieste, il documento verrà elaborato nell’ufficio della Procura della Repubblica presso il Tribunale di residenza del diretto interessato. Il certificato riporterà i procedimenti in corso sia del Tribunale che relativi alla DDA (Direzione Distrettuali Antimafia).
Ti facciamo altresì presente che, come previsto dal Ministero della Giustizia, è possibile effettuare la richiesta di Carico Pendente su qualsiasi procura d’Italia, a prescindere dalla tua residenza. In questo caso, il certificato indicherà i procedimenti pendenti relativi al solo Tribunale interrogato.
A fronte di quanto specificato, ti informiamo che ogni procura ha autonomia nelle procedure operative, pertanto siamo vincolati nel rispetto di tali metodologie che potrebbero prolungare le tempistiche di rilascio (generalmente di circa 10 giorni dalla ricezione del plico di documenti da te inviato corretto).
Il servizio include tutti i costi delle marche da bollo per la richiesta fino a due pagine di stesura. Nei casi in cui il certificato rilasciato fosse positivo, (con oltre due pagine di scrittura), ti verrà richiesta una marca da bollo aggiuntiva da Euro 16,00 ogni due facciate. Tramite il nostro sito, non potrai richiedere il certificato dei carichi pendenti per i minori. In tal caso un genitore o chi ne fa le veci, dovrà recarsi personalmente presso il Tribunale per i minorenni.
La validità del Certificato dei Carichi Pendenti rilasciato dalla Procura della Repubblica ha validità di 6 mesi dalla data del rilascio.

Sei residente all’estero? Hai bisogno di rendere valido il tuo certificato fuori dal territorio nazionale e/o vuoi tradurre il documento?Tramite il nostro sito è semplicissimo.

Il certificato potrà essere richiesto dai cittadini italiani residenti all'estero, e da chi non ha la cittadinanza italiana, a condizione che abbiano risieduto in Italia: Casellario Giudiziale per Uso Estero

Con TuttoVisure.it, puoi acquistare il servizio che ti consente di rendere validi i certificati per l'estero completi di bolli (apostilla/legalizzazione), autorizzazioni, traduzioni giurate in più di 100 lingue diverse, sempre elaborate da professionisti del settore. Ti informiamo che tale possibilità è specifica per tutti coloro hanno la residenza all’Estero, o Roma. In alternativa, il Certificato dei Carichi Pendenti potrà essere unicamente tradotto e sarà possibile emettere la legalizzazione relativa alla traduzione.

Se vuoi usufruire dei servizi sopra elencati accedi al form: Casellario Giudiziale per Uso Estero